fbpx

4 idee per guadagnare con il fai da te online

4 idee per guadagnare con il fai da te online

Questa è un’idea vincente: capire come guadagnare con il fai da te online. Infatti molte persone si dedicano a questo passatempo, creano oggetti raffinati e di fattura eccellente, ma non riescono a trasformare la propria passione in un lavoro. Neanche in una possibile fonte di guadagno alternativa, un modo per arrotondare lo stipendio.

Non sempre il desiderio è quello di diventare un artigiano professionista ma si vuole solo finanziare la propria attività hobbistica con un’entrata economica alternativa. Per questo oggi non affrontiamo temi tecnici e legati alla falegnameria, all’elettronica o alla saldatura. Ma ci concentriamo sulle idee per guadagnare con il fai da te grazie a internet.

Da leggere: perché aderire ad Amazon Prime

Usa l’ecommerce per vendere

La soluzione più professionale: creare un ecommerce, un sito web che ti consenta di presentare i prodotti su schede dedicate che ti consentano di vendere i tuoi prodotti in modo professionale. Lo dico subito: non è una strada che tutti possono seguire.

Usa l'ecommerce per vendere

Questo per un motivo molto semplice, vale a dire l’impegno. Devi investire tanto per creare un ecommerce e non solo dal punto di vista economico. Le piattaforme:

  • Woocommerce (WordPress) per piccoli progetti.
  • Prestashop, perfetto per idee in crescita.
  • Magento per imprese titaniche e grandi shop.

L’ecommerce ha bisogno di promozione e ottimizzazione, devi fare le foto e gestire tutti gli aspetti commerciali come le spedizioni e le promozioni. Il grande vantaggio?

Se riesci a ottenere la giusta visibilità con il sito web ed entri nel giro giusto sei del tutto indipendente. E il guadagno è tutto tuo. Ma l’impresa è ancora più impegnativa.

Ricorda che su un ecommerce puoi creare anche sezioni dedicate a infoprodotti. E quindi vendere corsi di fai da te, ebook e altri prodotti digitali. Senza dimenticare che puoi diventare un punto di riferimento per la tua nicchia e vendere vere e proprie consulenze online.

Sfrutta i marketplace per la vendita

La battaglia che da sempre si propone nelle tecniche di monetizzazione: puoi guadagnare con il fai da te online vendendo gli oggetti che hai creato, ma è meglio farlo con un ecommerce proprietario o un marketplace? Quest’ultima soluzione è interessante.

Il marketplace offre un vantaggio chiaro: ti iscrivi a un servizio, accetti l’idea di dover pagare una percentuale (mensile o relativa a ciò che vendi) e hai già tutto pronto.

Non devi creare siti web e non devi gestire aspetti tecnici. A te è demandata solo l’attività di promozione e inserimento dei prodotti. Di sicuro questo ti consente di essere libero da una serie di impegni particolarmente stressanti ma hai un altro problema.

Non sei totalmente libero. In ogni caso hai dei servizi professionali dalla tua parte, ecco i principali marketplace che ti permettono di guadagnare con il fai da te online:

  • Etsy.
  • Cargoh.
  • Ezebee.
  • MissHobby
  • Blomming.

Quale scegliere? Difficile dirlo, per avere una valutazione utile ai tuoi scopi devi analizzare le singole piattaforme e scegliere quella adatta ai tuoi scopi, anche se possiamo dire che Etsy è una delle più famose e usate da chi vuole guadagnare con il fai da te.

I social possono aiutarti a vendere

Impossibile fare a meno del contributo social se hai deciso di vendere le tue creazioni online. Perché le persone si ritrovano su queste piattaforme e consentono alle tue idee di farsi trovare e di entrare nel virtuoso circuito delle condivisioni su internet.

Cosa accade in questi casi? Il tuo prodotto può sfruttare il passaparola, i circolo virale che consente di farsi scoprire da persone realmente interessate. Come vendere sui social:

  • Usa i social come vetrina per farti contattare.
  • Condividi le schede ecommerce sui social.
  • Fai lo stesso se lavori con i marketplace.
  • Crea un negozio interno su Facebook.

Quest’ultima fase è interessante. Guadagnare con il fai da te online può essere un obiettivo da ottenere semplicemente condividendo ciò che hai fatto sulla tua home.

Poi devi aspettare che qualcuno si interessi, ma puoi anche creare una bacheca sulla pagina Facebook e collegata a Instagram. Tutto questo si ottiene semplicemente aggiungendo uno shop alla pagina più i relativi prodotti: ecco il tutorial ufficiale.

Affiliazioni, metodo per guadagnare

Una fonte economica alternativa, forse la migliore per chi vuole andare oltre la vendita dei propri prodotti online. Se nella tua avventura di maker e artigiano digitale hai iniziato a raggruppare una community di appassionati intorno alla tua attività puoi prendere in considerazione l’idea di coltivare un pubblico grazie a un blog, un canale YouTube.

Senza dimenticare un account Facebook o magari su Telegram. Gli artigiani più ambiziosi possono addirittura aprire un blog e creare articoli dedicati alle varie attività. Questo è un passo avanzato che consente di lavorare in vista di una futura fidelizzazione del pubblico.

Tutto questo è indispensabile se vuoi guadagnare con le affiliazioni. Vale a dire dei programmi in cui chi crea contenuti e ha un proprio pubblico può creare dei link tracciati con una stringa di codice e condividere questo collegamento con i propri contatti.

come guadagnare con il fai da te online
Il programma di affiliazione Amazon.

Chi clicca e acquista grazie al link condiviso con sente di far guadagnare una percentuale all’autore di questo circuito. Quindi, ad esempio, potrei raccontare come ho creato un tavolino di legno e resina per il salotto, linkare gli attrezzi utilizzati nel lavoro.

E guadagnare se qualcuno clicca e acquista gli stessi attrezzi. Esistono decine di soluzioni ma il più comune, semplice e facile da attivare è quello di Amazon. Un altro programma di affiliazione che devi valutare per guadagnare online: affiliazione.manomano.it.

Da leggere: come vendere oggetti stampati in 3D

Cosa sapere prima di iniziare

Questi sono i principali metodi per guadagnare con il fai da te, vale a dire la vendita di prodotti che hai creato più un metodo alternativo per monetizzare grazie alla tua attività di publisher e appassionato di DIY. C’è da aggiungere qualche dettaglio utile?

Sì, in primo luogo non pensare di poter ottenere grandi risultati in poco tempo: la concorrenza è tanta e il settore del fai da te sul web è congestionato, trova piuttosto una nicchia e specializzati in qualcosa di piccolo ma unico. Devi essere speciale e imparare a fare qualcosa che gli altri non hanno ancora avuto il coraggio o l’iniziativa di fare.

Così puoi emergere nel grande mare della vendita online. Poi, ultimo dettaglio, assicurati di avere sotto controllo la situazione fiscale. Ogni guadagno deve essere dichiarato, se rientri in determinati limiti puoi puntare alla ritenuta d’acconto oppure sei costretto ad aprire la partita IVA. In ogni caso questa è la strada per guadagnare con il fai da te online.

Se vuoi migliorare le tue skill nelle varie lavorazioni e il tuo marketing ti consiglio Making: i 9 pilastri del fai da te moderno, un vademecum generale sulle 9 materie principali tra cui un consistente capitolo dedicato proprio al passaggio da Hobby a Business.

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Costruire le proprie idee, guadagnare online e vivere della propria passione

Iscriviti alla newsletter e scarica il mio PDF gratuito su come guadagnare online con il fai da te e l'artigianato digitale

IL NOSTRO PRIMO

MAKING - I 9 pilastri del Fai da te moderno

Io e Giuseppe di Makers At Work abbiamo raccolto in un unico libro tutte le nozioni base delle 9 materie principali per entrare nel mondo Makers! 

Un vademecum generale sulle materie più trattate.

Costruire le proprie idee, guadagnare online e vivere della propria passione

Iscriviti alla newsletter e scarica il mio PDF gratuito su come guadagnare online con il fai da te e l'artigianato digitale